IL CONTO TERMICO 2020 GSE

È stato pensato per sfruttare meglio gli incentivi per gli interventi mirati ad una maggiore efficenza
energetica e allo sviluppo delle cosiddette rinnovabili termiche. Vedremo di seguito come funziona, quali
sono gli interventi incentivabili, le regole applicative, quindi la normativa in vigore, ma anche in quali casi è
preferibile accedere agli incentivi del conto termico 2.0 oppure alle agevolazioni fiscali del 65%, i cosiddetti
Ecobonus, per gli interventi di risparmio energetico. In effetti molti interventi per migliorare l’efficienza
energetica degli edifici, come ad esempio la sostituzione della vecchia caldaia con una di nuova generazione a
condensazione, possono godere sia degli incentivi del Conto Termico 2.0 che della detrazione fiscale degli
Ecobonus, quindi è importante capire come funziona il discorso per decidere qual’é la soluzione migliore a
seconda delle esigenze di ognuno.

 
Conto termico
Conto termico

COS’È IL CONTO TERMICO 2.0 GSE

Il Conto Termico 2020 è un fondo per incentivare la produzione di energia termica e per sostenere gli
interventi mirati al miglioramento dell’efficenza energetica di edifici e abitazioni. Il fondo è gestito dal GSE,
che sta per Gestore Servizi Energetici. Proprio quest’ultimo si occupa di stabilire quali sono gli interventi
ammessi, chi può accedere agli incentivi, cioè chi ne ha diritto e quali sono le modalità di accesso,
naturalmente sulla base della normativa decisa dal legislatore. Vediamo una sintesi delle caratteristiche
principali di questo fondo per l’efficienza energetica.